Dossier/ L’Agenda 2030 nel 2020 (2)

    L’Agenda 2030 è entrata nel 2020 ma a che punto siamo? Sono stati compiuti passi significativi verso la realizzazione dei 17 obiettivi fissati dalle Nazioni Unite nel 2015?

    In questo dossier analizziamo il livello di attuazione del goal 8 sull’incentivazione di una crescita economica, duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti, del goal 3 sulla salute e il benessere per tutti e per tutte le età e dell’obiettivo 4 sul fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti.

    (Qui la prima uscita della serie dei dossier dedicati all’Agenda 2030)

     

    Per un lavoro dignitoso: il goal 8

    L’obiettivo 8, incentivare una crescita economica, duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti, è uno dei più discussi e analizzati.

    Le organizzazioni di monitoraggio rilevano infatti la necessità di raggiungere l’obiettivo senza compromettere altri obiettivi, come quelli legati alle questioni ambientali e climatiche.

    Per monitorare l’andamento il sindacato mondiale del lavoro ha realizzato uno studio dal titolo “SDG 8 – Decent Work and Just Transition al centro dell’agenda 2030” che si basa su un set di dati raccolti in 166 paesi, corrispondenti al 98,9% della popolazione mondiale. Sulla base degli indicatori selezionati si rileva che rivelano che le migliori prestazioni si hanno generalmente nei paesi ad alto reddito (come gli Stati Uniti Stati, Canada, Giappone e la maggior parte dei paesi dell’Unione Europea).

    Il livello di reddito però non è necessariamente correlato alle prestazioni in relazione all’obiettivo 8. “Anche nei paesi – si legge nella relazione dell’Asvis riferita al 2019 – con un basso reddito pro capite, i diritti dei lavoratori possono essere realizzati, può essere instaurato un buon dialogo sociale e può essere stimolata la crescita economica”.

    L’analisi di Asvis si basa sull’idea che il rilancio della crescita economica non sia l’unico modo per fare progressi in termini di lavoro dignitoso in quanto vi sono molte altre variabili che fanno la differenza, come il diritto all’apprendimento permanente e i potenziali guadagni connessi all’ambiente e alla sostenibilità.

    Per quanto riguarda il monitoraggio è emersa anche la necessità di migliorare la raccolta dei dati vista la scarsità di informazioni utili sulla salute e sicurezza sul lavoro, sul gap nella retribuzione in base al genere, sul ruolo degli ispettori del lavoro, sul tasso di occupazione informale e su quello di copertura della contrattazione collettiva.

    Il rapporto di Hlpf rileva che “sebbene siano stati compiuti progressi, le attuali disparità di disuguaglianza si stanno allargando, e sono urgentemente necessari sforzi per includere giovani, donne e altri gruppi vulnerabili nel mercato del lavoro per garantire che nessuno venga lasciato indietro”.

    “Per creare un futuro – si legge nella relazione – giusto e sostenibile, la comunità internazionale deve investire nelle persone. Ciò significa investire in posti di lavoro, competenze e protezione sociale e sostenere la parità di genere. Significa anche investire nelle istituzioni del lavoro del mercato in modo che i salari siano adeguati, l’orario di lavoro limitato e la sicurezza e la salute, così come altri diritti fondamentali sul lavoro, siano garantiti”.

    Un ruolo nel raggiungimento dell’obiettivo lo svolge anche l’economia informale, diffusa in molti contesti nazionali e che “deve essere oggetto di politiche economiche e sociali mirate”.

    Per arrivare al Goal 8 è necessario quindi lavorare sulla disuguaglianza di genere dal momento che il divario tra gli stipendi persiste ancora nella maggior parte dei paesi. La disoccupazione giovanile resta comunque la preoccupazione primaria, data la grande percentuale di giovani non iscritti a scuola o a programmi di formazione.

    I dati dell’Oil e dell’Hlpf sul lavoro

    Nel 2018, il tasso di disoccupazione globale era del 5%, simile al livello pre-crisi, in calo dal 5,6 per cento nel 2017, dal 5,9 per cento nel 2009 e dal 6,4 per cento nel 2000. Resta però molto da fare secondo la relazione dell’Hlpf: l’occupazione informale, la sicurezza e la salute sul lavoro e le condizioni di lavoro, rimangono problemi tangibili: in tre quarti dei paesi in cui sono reperibili dati, oltre la metà di tutte le persone impiegate in attività non agricole hanno un impiego informale.

    A livello globale, il 61% di tutti i lavoratori ha avuto un’occupazione informale nel 2016. Escludendo il settore agricolo, il 51% di tutti i lavoratori rientrava in questa categoria di occupazione. La povertà lavorativa è in calo ma rimane diffusa in alcune regioni. I lavoratori nell’economia informale soffrono di redditi più incerti, meno regolari e inferiori rispetto a quelli dell’economia formale, subiscono orari di lavoro più lunghi, l’assenza di contrattazione collettiva e di diritti di rappresentanza. Hanno inoltre spesso hanno uno status di lavoro ambiguo o mascherato.

    Metà della popolazione mondiale non beneficia poi della libertà di associazione e della contrattazione collettiva. Ci sono 152milioni di bambini ancora impegnati nel lavoro minorile e 40milioni di persone si trovano in diverse forme di lavoro forzato. La Convenzione sulla protezione del diritto all’organizzazione, del 1948 e della Convenzione sulla contrattazione collettiva, del 1949 sono le meno ratificate delle convenzioni fondamentali dell’Oil (Organizzazione Internazionale del Lavoro).

    A livello globale, nel 2018, circa 64 milioni di giovani donne e uomini di età compresa tra 15 e 24 anni erano disoccupati, che rappresenta un tasso di disoccupazione globale del 12,6 per cento per questa fascia di età, ovvero più di tre volte superiore rispetto agli adulti di età pari o superiore ai 25 anni. I giovani hanno quindi tre volte più probabilità di essere disoccupati rispetto agli adulti.

    Nel 2018, un quinto (circa il 22%) della gioventù mondiale non lavorava né studiava. A livello globale, le giovani donne hanno una probabilità doppia rispetto ai giovani maschi di essere disoccupate,  al di fuori della forza lavoro e non in istruzione o formazione. Il Rapporto sugli obiettivi di sviluppo sostenibile del Segretario generale delle Nazioni Unite 2018, basato su 63 paesi per i quali erano disponibili dati, ha stimato il divario retributivo orario di genere medio al 12%. Questo divario supera il 20% nelle professioni manageriali e professionali, tra i lavoratori dell’artigianato e delle attività connesse e tra gli operatori e gli assemblatori di macchine per impianti.

    Il Rapporto globale sui salari dell’Oil 2018/2019 ha stimato il divario retributivo globale di genere utilizzando una media oraria, al 19 per cento. Il rapporto dell’Oil descrive poi i divari di genere nell’istruzione e nell’accesso alle competenze, alla partecipazione, all’occupazione e alla forza lavoro, ai pregiudizi e alle retribuzioni professionali, nonché alla segregazione professionale di genere, alla discriminazione e agli stereotipi sul posto di lavoro.

    La protezione sociale non è una realtà per la stragrande maggioranza della popolazione mondiale. Nel 2016, il 55% – ben 4 miliardi di persone – non era coperto da nessun rapporto sociale sugli obiettivi di sviluppo sostenibile del Segretario Generale delle Nazioni Unite 2018. E ancora dai dati dell’Oil si rileva che solo il 22% dei disoccupati riceve prestazioni in denaro per la disoccupazione, il 28% delle persone con disabilità gravi ricevono prestazioni in denaro per la disabilità, solo il 35% dei bambini in tutto il mondo ha un accesso effettivo alla protezione sociale e solo il 41% delle donne che partorisce riceve la maternità prestazioni in denaro. L’OIl stima inoltre che ogni anno muoiano quasi 2,8 milioni di lavoratori a causa di infortuni sul lavoro e malattie professionali.

    Circa 2,4 milioni (86,3 per cento) di questi decessi sono dovuti a malattie legate al lavoro, mentre oltre 380mila (13,7 per cento) derivano da infortuni sul lavoro. Si stima che le lesioni non mortali colpiscano ogni anno 374 milioni di lavoratori e molte di queste lesioni hanno gravi conseguenze per la capacità di guadagno dei lavoratori a lungo termine. Da sottolineare poi le enormi differenze regionali. La crescita economica in Africa, ad esempio, non ha creato posti di lavoro sufficienti per far fronte alle crescente popolazione e alla conseguente domanda di lavoro: circa il 60% dei posti di lavoro in Africa è considerato vulnerabile. Meno dell’1% dei disoccupati percepisce sussidi di disoccupazione e solo il 19% della popolazione dell’Africa Subsahariana è coperta da assicurazione sociale. La mancanza di posti di lavoro dignitosi, unita a regimi di previdenza sociale deboli, hanno a loro volta contribuito ad alti tassi di povertà tra la popolazione attiva. Nel 2015, il 32,1 per cento degli uomini lavoratori e il 35,1 per cento delle donne che lavorano, sono stati classificati come poveri.

    • Show Comments (0)

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    comment *

    • name *

    • email *

    • website *

    Ads

    You May Also Like

    Dossier Agenda 2030/ Il mondo contro le donne (28)

    Questo dossier fa parte degli approfondimenti dedicati all’Agenda 2030 e analizza il target 5: ...

    Dossier Agenda 2030/ La guerra del greggio (seconda parte) (13)

    Questo dossier fa parte degli approfondimenti dedicati all’Agenda 2030 e analizza il target 7: ...

    Dossier Agenda 2030/ Cambiamento climatico: due pericoli (20)

    Questo dossier fa parte degli approfondimenti dedicati all’Agenda 2030 e analizza il target 13: ...